Aldo Romano è il nuovo presidente di Cefriel – Valerio De Molli, The European House – Ambrosetti, entra nel CdA

17 Novembre 2017 – Aldo Romano, genovese, classe 1940, è il nuovo presidente di Cefriel, società partecipata da università, imprese e pubbliche amministrazioni che realizza progetti di innovazione digitale e di sviluppo del capitale umano. Valerio De Molli, varesino, classe 1965, entra nel CdA in qualità di consigliere.

Continua a leggere

Retrofitting industrial machines with IoT board to measure their performance

Tuesday, September 12 2017 EIT Digital is introducing its ‘I4.0 Production Monitoring Solution’, a new initiative launched as part of its Oedipus High Impact Initiative, and designed to help manufacturers quickly assess whether their machines are performing well or need some fine-tuning.

This new modular solution, conceived and developed by the Italian ‘digital innovation and design shop’ Cefriel, is designed to work both with older, non-natively connected machinery, and with newer models that are equipped with Internet connections.

“We will be able to retrofit a machine by connecting it with an external IoT board. Sensors will collect relevant data such as temperature or vibration levels, to provide precious insights on the equipment’s condition. The information gathered will be exported to Siemens’ MindSphere cloud platform, which is specifically designed to monitor industrial plants,” Nadia Scandelli, Cefriel’s Deputy Head of Digital Platform says. This retrofitting process could be potentially very attractive for factories, as it is relatively inexpensive compared to replacing the equipment altogether with newer, smarter models, something which manufacturers tend to avoid or delay due to the high cost of investment.

Read the full Press Release…

Il progetto VideoSign per “firmare” i contenuti multimediali

Si chiama VideoSign la soluzione tecnologica realizzata da Cefriel – società che realizza progetti di innovazione digitale e di sviluppo delle organizzazioni e del capitale umano – in collaborazione con L’Eco della Stampa – leader italiano nel media monitoring e nella media intelligence – che permette a free lance e altri utenti di apporre la propria “firma digitale” sui video prima di condividerli su web e social.

Il prototipo di VideoSign, realizzato nel 2016, si è aggiudicato un finanziamento nell’ambito della “Digital News Initiative”, promossa da Google Inc. con i principali editori europei allo scopo di studiare nuovi modelli di innovazione nel settore dei media. […]

Con VideoSign ci siamo posti l’obiettivo di sviluppare un prototipo per la certificazione dell’origine dei contenuti multimediali, affrontando un tema alquanto complesso nel panorama della lotta alle “fake news”. Lo scenario proposto dal progetto è l’utilizzo delle nuove tecnologie blockchain per firmare i contenuti multimediali, attraverso applicazioni distribuite realizzate con i cosiddetti “smart contract”, spiegano Nadia Fabrizio e Roberto Puricelli, Blockchain Expert di Cefriel.

[…]

Per saperne di più, leggi Google sceglie la milanese Cefriel per la lotta alle Fake NewsContro le fake news arriva la “firma” per i video su social e web

Fabbriche meno cartacee e più digitali: al via Industrial Paperless Production Process

Lunedì, 12 Giugno 2017 – Salvare l’ambiente, ridurre il consume di carta nelle fabbriche e creare valore per i lavoratori e il management. Questo è lo scopo di Industrial Paperless Production Process (IPPP), una nuova attività lanciata da EIT Digital come parte della Digital Industry Action Line.

L’iniziativa si basa sul fatto che nelle linee di produzione di aziende grandi e medie i documenti cartacei continuano a giocare un ruolo importante.

I report per il controllo qualità, per esempio, sono spesso compilati ancora a mano, e le anomalie riscontrate nel corso del processo produttivo vengono ancora gestite con istruzioni scritte su carta.

Il procedere di un ordine viene di conseguenza monitorato con un ritardo di giorni, con un impatto sull’efficienza e la qualità dei processi.

La soluzione sviluppata da Cefriel, come business champion dell’iniziativa IPPP, e dal Fraunhofer Institute come partner tecnologico, genererà nuovi dati e conoscenze sullo stato della produzione in fabbrica, supportando i lavoratori con informazioni in tempo reale sulle loro operazioni e riducendo il tempo necessario agli stakeholder per prendere decisioni. […]

Questo porterà a un miglioramento complessivo dell’efficienza, equivalente a una riduzione stimata del 40% nel numero di fogli A4 utilizzati nelle linee di produzione ed a una riduzione del 20% del tempo necessario per I controlli di qualità.

Il prodotto verrà rilasciato entro la fine del 2017. Dall’inizio del 2018, Zoppas Industries, come primo cliente ed early adopter, potrà sperimentare la soluzione nel suo quartier generale di Vittorio Veneto, e sottoporre feedback e richieste di nuove funzionalità.

Leggi tutto il Comunicato Stampa…

Intervista a Roberta Letorio: tra smartworking e programmi di inclusione, l’esperienza con Jobmetoo

Cefriel è da sempre sensibile al tema della disabilità e sapere di poter avere un partner specializzato nel recruiting, nella selezione e nel coaching delle persone con disabilità ha stimolato la nostra curiosità. […] Sicuramente durante l’anno inseriremo nuovi colleghi, anche con disabilità, poiché l’innovazione ha sempre bisogno di nuovi stimoli, soprattutto umani.

Leggi l’intervista a Roberta Letorio di Cefriel, pubblicata su Jobmetoo.com del 28 marzo 2017.

La via italiana al digitale dal punto di vista di Alfonso Fuggetta

Quando si parla di digitale, il nostro Paese vive più di altri una pericolosa estremizzazione. In questo come in molti altri casi siamo come un pendolo che tende sempre a oscillare tra due estremi senza mai trovare un punto di equilibrio ragionevole.

Ci serve un nuovo equilibrio che vada oltre il superficiale entusiasmo e un immaturo “nuovismo” da un lato, e la difesa acritica del presente e dello status quo dall’altro. E siamo noi tecnologi, entusiasti e artefici del “mondo nuovo”, che per primi dobbiamo contribuire a definire e declinare questo nuovo equilibrio.

Leggi l’articolo La via italiana al digitale di Alfonso Fuggetta, pubblicato su Tech Economy del 23 marzo 2017.

The European House – Ambrosetti nuovo socio di Cefriel

cefriel                                                                                                      ambrosetti-1-300x174

Cefriel e The European House – Ambrosetti in sinergia per la Digitalizzazione e l’Innovazione

Milano, 15 marzo 2017 – The European House – Ambrosetti entra nella compagine sociale di Cefriel. Il Gruppo professionale, leader nella Consulenza Direzionale, amplia la compagine sociale di Cefriel, già composta da quattro università, Regione Lombardia e grandi aziende dei settori Hi-Tech, Telco, Media e Energy.

L’ingresso come socio consolida ulteriormente la collaborazione di The European House – Ambrosetti con Cefriel, già attiva da ottobre 2016 con la costituzione di una partnership incentrata sull’offerta congiunta al mercato di servizi per l’accelerazione dei processi di innovazione digitale nelle imprese.

La collaborazione tra Cefriel e The European House – Ambrosetti si fonda sia sulla visione comune del ruolo chiave che le tecnologie digitali svolgono nelle aziende, sia sulla condivisione di un approccio insieme strategico e operativo nel supportare le imprese lungo tutto il processo di trasformazione digitale.

Continua a leggere

Come la blockchain cambia l’intermediazione

Elementi della catena del valore del passato scompaiono, resi inutili da Internet. Altri, nuovi, fanno la loro comparsa.

Le interazioni sono sempre più dirette. La rete da questo punto di vista è spietata: se non offri valore aggiunto, scompari. L’ultima creatura nata nel mondo di Internet che va a colpire e rivoluzionare molti processi di intermediazione è la tecnologia delle blockchain.

Leggi Come la blockchain cambia l’intermediazione di Alfonso Fuggetta, pubblicato su Le Macchine Volanti del 5 marzo 2017.

L’Innovazione digitale a servizio dell’edilizia storica e monumentale

cefrielgasparoli

Cefriel e Gasparoli collaborano sul campo per cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie digitali

 

Varese, 21 Febbraio 2017 – La società Gasparoli è specializzata nel trattamento di superfici dell’edilizia storica e monumentale e svolge attività estremamente delicate che richiedono competenze specialistiche applicate a un insieme di Beni molto eterogenei e distribuiti su un vasto territorio. E’ perciò fondamentale la consultazione e l’analisi dei dati provenienti dal cantiere, raccolti e archiviati, consentendo così di interpretare i nuovi fatti osservabili sull’edificio e gestire, di conseguenza, le interrelazioni che a diversi livelli riguardano il Bene, il suo uso e la sua conservazione.

Attualmente esistono diversi strumenti digitali che permettono di immagazzinare la grandissima quantità di osservazioni e conoscenze generate durante tutte le diverse fasi di lavorazione. Le informazioni acquisite possono così essere opportunamente organizzate, archiviate e continuamente aggiornate.

Tuttavia, districarsi tra la grande quantità di prodotti, device, strumenti digitali e selezionare il giusto tool-kit, integrandolo nei processi esistenti, è un’operazione complessa, che richiede non soltanto una conoscenza approfondita del dominio, ma anche un’ampia comprensione del mercato delle tecnologie ICT e un metodo di lavoro improntato alla multidisciplinarietà e all’innovazione digitale.

Per ottimizzare le prestazioni nei propri cantieri, Gasparoli sta collaborando con Cefriel nell’identificazione di una serie di processi in ambiti d’intervento prioritari e nella definizione dei relativi obiettivi di miglioramento, al fine di individuare il più opportuno insieme di strumenti digitali a supporto di ciascun processo.

Ci siamo chiesti come un’azienda di servizi come la nostra possa fare “innovazione” in relazione agli obiettivi di “Industria 4.0” e alle suggestioni connesse alla “Quarta Rivoluzione Industriale», dice il dott. Guido Gasparoli, Presidente e Amministratore della Gasparoli Srl. «Uno degli obiettivi che ci siamo dati è stato quello di digitalizzare alcuni importanti processi e di utilizzare l’innovazione tecnologica per rendere più efficiente il cantiere. Ma anche quello di immaginare come l’”Internet delle cose – IOT”, con le sue enormi potenzialità, sia in grado di supportare un ambito operativo fortemente “analogico” come quello del restauro – dove al centro della produzione vi è l’abilità tutta artigianale dei nostri restauratori. Cefriel era il partner giusto”.

Continua a leggere

5 trend da CES 2017

Il CES di Las Vegas rappresenta sempre un’occasione unica per osservare in pochi giorni tutto quello che esiste e che sarà sul mercato tecnologico consumer nel corso dell’anno successivo. Questo evento è tuttavia ugualmente unico per capire i trend di sviluppo a medio-lungo termine nel mondo ICT a 360° oltre che portare a casa innovazioni “pronte all’uso” e giocare quindi d’anticipo sui tempi naturali di diffusione dell’innovazione stessa.

Fondamentale oggi per ogni azienda credere fortemente nella contaminazione delle idee e degli ambiti in cui queste nascono, al fine di creare soluzioni realmente innovative connettendo tutte le peculiarità di ciascuna tecnologia e cercando di aggiungere valore al nostro modo di lavorare.

Leggi tutto nell’articolo 5 trend da CES 2017 di Giuseppe Gramazio e Roberto Puricelli di Cefriel, pubblicato su Tech Economy del 13 febbraio 2017.