Come abilitare il 4.0: Tanti i vantaggi che le aziende sono pronte a cogliere

Il 7 marzo scorso, alla trasmissione Italia 4.0 di Class/CNBC si è parlato di innovazione industriale, di nuove tecnologie ma anche e soprattutto della trasformazione profonda che stanno vivendo le imprese del nostro Paese in questo periodo.

Come si confrontano la imprese con le esigenze anche finanziarie per entrare nel mondo digitale?
Come si trasferiscono le conoscenze e le tecnologie?

Queste ed altre domande sono state lo spunto per la discussione fra tra gli ospiti della puntata: il nostro AD Alfonso fuggetta, Daniele Frigerio di Candy e Giordano Sassaroli di Elite.

Per saperne di più guarda il video:

 

 

 

 

 

 

 

 

Parlando del Piano Nazionale 4.0, Alfonso Fuggetta sottolinea come, aldilà degli indubbi effetti positivi legati agli incentivi fiscali introdotti, sia fondamentale che le aziende si impegnino ad esporsi “aldilà dell’acquisto del macchinario”, ovvero investendo in know-how e nello sviluppo di nuove competenze. Lo scenario italiano riflette da questo punto di vista un classico schema a macchia di leopardo in cui sono le piccole e medie imprese a faticare maggiormente nella ricezione e metabolizzazione dei cambiamenti in corso. In generale, occorrerebbe che le imprese recepissero la rivoluzione dell’impresa 4.0 “a 360 gradi”, uscendo dalla logica dell’inseguimento al vantaggio fiscale e concentrandosi su programmi di lungo periodo che incidano sia sui processi che sullo sviluppo dei prodotti.

La necessità di creare all’interno delle aziende nuove figure professionali in grado di fronteggiare la convergenza tra digitale manifattura è emerso come elemento chiave anche dalle parole di Daniele Frigerio, R&D e Manifacturing Trasformation manager del gruppo Candy. Per Candy, azienda pioniere nel proprio settore per quanto riguarda l’applicazione di tecnologie digitali al manufacturing, il 4.0 è iniziato diversi anni fa ed ha portato con se una profonda trasformazione aziendale. Tale trasformazione è stata il frutto di un’attenta programmazione che, a partire dall’equipaggiamento dei propri prodotti con servizi digitali ed elementi di connettività, ha portato a cambiare il modo in cui gli oggetti stessi e le linee di produzione venivano pensati e progettati.

Un’altra delle sfide che le imprese proiettate verso il 4.0 si trovano ad affrontare rimane strutturarsi per ottenere le risorse necessarie alla crescita e trasformazione digitale. Il 2017 ha visto per la prima volta un avvicinamento sostanziale da parte delle piccole e medie imprese italiane al mercato dei capitali. In questo contesto, svolge un ruolo estremamente rilevante una realtà come quella di ELITE. ELITE è una piattaforma di servizi lanciata da Borsa Italiana con la missione di accelerare la crescita delle imprese attraverso l’accesso al capitale.  Come ci racconta Giordano Sassaroli, head of digital service di ELITE, la piattaforma svolge infatti il compito di accompagnare le imprese nel percorso di raccolta dei capitali indirizzandole verso il proprio personalizzato percorso di sviluppo e di crescita.

In conclusione, una carrellata di punti di vista che testimonia la volontà di rendere l’Italia un Paese più efficiente e competitivo; testimonianze da cui trapela un certo ottimismo sulle opportunità che risiedono nel Piano Industria 4.0, purché rappresenti lo stimolo per un cambiamento sostanziale nel modo di pensare delle imprese.

 

Una giornata memorabile

Il 21 Febbraio abbiamo inaugurato la nostra nuova casa. L’evento è stato reso ancor più memorabile dalla presenza di Paolo Gentiloni, Cristina Messa, Ferruccio Resta e Giuseppe Sala. Questi video permettono di conservare un po’ del “profumo” di questa giornata così importante.

 

 

Le manifestazioni di stima che abbiamo raccolto durante l’evento danno ulteriore slancio al nostro impegno per l’innovazione di imprese e amministrazioni pubbliche e per la crescita di quelle competenze digitali che sono cruciali in questo momento economico.

 

Grazie di cuore per le splendide parole di apprezzamento!

Al via la 13° edizione del Corso di Alta Formazione in Information Security Management

L’utilizzo di Internet nei processi di business delle aziende porta benefici evidenti, sia in termini di incremento di efficienza o di miglioramento delle prestazioni dei processi esistenti, sia in termini di nuove opportunità strategiche. Tuttavia, la rilevanza strategica dell’Information Technology comporta nuovi e importanti rischi legati alla protezione dei dati aziendali, tanto da rendere centrale il concetto di information security.

Senza un’appropriata protezione, infatti, la rete aziendale è vulnerabile ad attacchi di hacker esterni o, a volte, anche di dipendenti stessi o di ospiti dell’azienda. Nasce quindi l’esigenza di inserire, all’interno dell’organizzazione, delle figure che si occupino della gestione di tutte le attività legate alla della sicurezza informatica. A ciò si aggiunge la sempre crescente importanza assunta dai “furti d’identità” ed anche, più semplicemente, dall’utilizzo illecito dei dati personali.

In questo quadro, Cefriel (centro di eccellenza ICT) e MIP (MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business), consorzi “storici” dell’ateneo, per primi in Italia hanno messo a punto un percorso formativo ad hoc: il Corso di Alta Formazione in Information Security Management, la cui prima edizione risale al 2002. La progettazione è stata guidata dalla volontà di realizzare un corso innovativo, sia nei contenuti sia nelle metodologie didattiche e vicino alla esigenze delle imprese. Perciò, si è fatta particolare attenzione nel coniugare l’esperienza di realtà aziendali d’avanguardia e di professional di provata abilità nel campo della sicurezza con la rigorosità concettuale, la capacità di modellizzazione e sistematizzazione dei problemi propria del mondo accademico. Per quanto riguarda i contenuti, questo ha portato alla creazione di un percorso formativo interdisciplinare che integra le tre aree fondamentali d’impatto della sicurezza informatica: tecnology, management e legal.

Quest’anno prenderà il via la 13° edizione.  Per meglio rispondere alle esigenze formative del singolo partecipante in relazione al suo ruolo, ISM si rinnova prevedendo 2 Stream distinti:

  • Stream#1 Technology oriented: una prima parte indispensabile per qualsiasi professionista coinvolto in scelte organizzative o tecnologiche: in questa fase, si forniscono gli elementi utili a creare una awareness fruibile da parte del partecipante ma anche trasferibile nelle relazioni aziendali.
  • Stream#2 Aspetti organizzativo-gestionali dell’Information/ICT Security: una seconda parte maggiormente specialistica sia in senso tecnico che metodologico, con forte approfondimento degli aspetti legati alla gestione di progetto e portfolio specie per iniziative in ambito di sicurezza informatica.

La suddivisione in Stream permette di soddisfare il fabbisogno formativo di diverse tipologie di figure professionali, in relazione all’effettivo coinvolgimento in aspetti gestionali dell‘Information Security.

 

Per maggiori info: www.securman.it

Alfonso Fuggetta al Convegno “In corsa per l’Italia Digitale”

Martedì 5 dicembre, presso il Centro Congressi Roma Eventi Piazza di Spagna a Roma, si terrà il Convegno In corsa per l’Italia Digitale, a cura dell’Osservatorio Agenda Digitale.

Alfonso Fuggetta, tra i Responsabili Scientifici dell’Osservatorio, interverrà in mattinata alla tavola rotonda in cui esperti del settore e referenti chiave commenteranno la presentazione dei risultati della Ricerca dell’Osservatorio, realizzata, tra gli altri, in collaborazione con Cefriel.

Alfonso Fuggetta a Corporate Entrepreneurship e Open Innovation: innovare con un occhio alle startup!

Giovedì 30 novembre, presso l’Aula Magna Carassa-Dadda del Politecnico di Milano – Campus Bovisa, si terrà il Convegno Corporate Entrepreneurship e Open Innovation: innovare con un occhio alle startup!, durante il quale saranno presentati i risultati delle Ricerche degli Osservatori Startup Intelligence, Startup Hi-tech e Digital Transformation Academy.

In occasione del Convegno, Alfonso Fuggetta interverrà sul tema “Modelli di business dell’innovazione: quali funzionano e quali no”.

La Digital Transformation Academy è il progetto culturale della School of Management del Politecnico di Milano rivolto alla community dell’innovazione digitale, basato sull’esperienza dei otto anni di Digital Innovation Academy. In collaborazione con Cefriel e con il patrocino di ASSI, Aused, CDTI, CIO AICA Forum, ClubTI e FPA, l’Academy è il punto di riferimento e laboratorio aperto per lo sviluppo di conoscenza e la diffusione di cultura che, attraverso metodologie originali e innovative, intende stimolare e accompagnare la trasformazione digitale delle imprese e contribuire a traguardare una maggiore competitività.

Aldo Romano è il nuovo presidente di Cefriel – Valerio De Molli, The European House – Ambrosetti, entra nel CdA

17 Novembre 2017 – Aldo Romano, genovese, classe 1940, è il nuovo presidente di Cefriel, società partecipata da università, imprese e pubbliche amministrazioni che realizza progetti di innovazione digitale e di sviluppo del capitale umano. Valerio De Molli, varesino, classe 1965, entra nel CdA in qualità di consigliere.

Continua a leggere

Workshop “Giovani e Sicurezza Stradale: alla scoperta dei Comportamenti in Mobilità”

Mercoledì 22 Novembre, dalle 15:00 alle 17:30, a Milano, si terrà il WorkshopGiovani e Sicurezza Stradale: alla scoperta dei Comportamenti in Mobilità”, organizzato dal team di Ninja Riders, un progetto di ricerca co-finanziato da EIT Digital.

Qual è la percezione dei giovani rispetto ai temi di sicurezza stradale? Quali sono i fattori umani, sociali e contestuali che influenzano le loro decisioni in mobilità? Come promuovere la cultura della sicurezza stradale e incentivare i comportamenti virtuosi?

Queste sono alcune delle domande a cui risponde Ninja Riders che coinvolge un partenariato europeo coordinato da Cefriel e costituito da esperti in ICT, business modelling, partecipazione/ingaggio dei cittadini e analisti di modelli di comportamento sociale.

Per saperne di più e iscriversi al workshop…

Arrivano i Voucher per la formazione Digitale

In arrivo i Voucher per la digitalizzazione delle Pmi, una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014.

Oltre all’offerta formativa già a catalogo, anche Cefriel sta progettando, in concerto con le associazioni di categoria, dei pacchetti specifiche che permetteranno di valorizzare al massimo questa opportunità rispetto alle diverse esigenze dei propri interlocutori.

Seguiranno aggiornamenti nelle prossime settimane.

Alfonso Fuggetta al DIGITAL ITALY SUMMIT 2017

In occasione del Digital Italy Summit 2017 dal titolo “Il Digitale e la forza del nostro Paese, delle sue Imprese e dei suoi Territori”, organizzato da The Innovation Group a Roma dal 13 al 15 novembre, Alfonso Fuggetta interverrà martedì 14 alla Sessione di apertura “L’industria ICT per la trasformazione digitale del Paese” e al WORKSHOP “PA – Il Piano Strategico Triennale Top Down e Bottom up”.

Digital Italy Summit è il punto di arrivo del percorso del Programma «Digital Italy 2017» e rappresenta il primo momento di condivisione di un lungo lavoro di ricerca e di ricognizione dello stato e delle prospettive dell’innovazione digitale nel nostro Paese, nelle nostre Imprese e nei suoi Territori.

Economisti, Leader di grandi Imprese, Politici, Membri del Governo e Vertici della PA, Accademici ed Esperti di fama internazionale si confronteranno con Presidenti e Amministratori Delegati delle maggiori Aziende del mondo digitale.